Autoproduzione

categories (16 Posts)

Come fare un’acqua di rose fatta in casa!

Acqua di rose fai da te

Maggio 2017
Guardando le prime rose che sono spuntate in giardino, anche quest’anno ho deciso di dedicare un po’ di tempo alla preparazione dell’acqua di rose.
Non ci vuole molto: petali, acqua e qualche contenitore di vetro… ma se volete sapere ancora più velocemente come si fa, c’è il mio video, dura poco più di 1 minuto!!
VIDEO TUTORIAL ACQUA DI ROSE

Per esperienza posso dire che l’acqua di rose è un prodotto tanto semplice quanto straordinario. Buona sia come tonico per il viso, ma anche per la pulizia della pelle di adulti e bambini. Rinfresca, tonifica, è naturale e delicata…
A parte petali ed acqua io non metto nessun conservante, quindi ne preparo una quantità che so di poter consumare entro una settimana al massimo. Se volete però far si che duri di più potete aggiungere un paio di cucchiai di alcool alimentare 95 gradi oppure del conservante per cosmetici (per questa dose

La felicità è nelle cose semplici: farinata di ceci per tutti!

farinata di ceci

Quando avete voglia di un antipasto (ma anche di un primo…) gustoso e semplice provate a preparare una farinata di ceci!
Farinata di ceci
Per via di alcuni accorgimenti che bisognava avere per rispettare la ricetta originaria ligure, non l’ho mai cucinata, fino a quando mi son detta che potevo pure azzardare una versione meno “pura”, tanto per provare… beh il risultato è stato così buono che ho replicato per due giorni di fila! Ecco la mia versione.
Ingredienti
200 grammi di farina di ceci
600 ml di acqua
6 grammi di sale
30 grammi di olio extravergine di oliva
Preparazione
La farinata va fatta riposare 6-8 ore quindi io l’ho preparata intorno alle 11 della mattina per averla pronta per cena.
In una ciotola setacciare la farina di ceci che essendo l’ingrediente principe di questo piatto è ovviamente auspicabile che sia di ottima qualità. Aggiungere l’acqua lentamente mescolando bene in modo che non si formino dei grumi.

Aggiungere il sale

Come fare un deodorante efficace con soli 10 centesimi!

L’argomento di cui parlerò in questo articolo può creare stupore a molti, titubanza a qualcuno e indifferenza dopo le prime righe a (spero!) pochi.
Avete mai pensato di autoprodurre un deodorante?
 

Tutte le mattine e tutte le volte che facciamo una doccia durante la giornata, riempiamo la nostra pelle di prodotti esterni spesso acquistati velocemente al supermercato o in profumeria.
Tra struccanti, tonici, creme viso, creme corpo, shampoo, bagnoschiuma, balsami, deodoranti, abituiamo la pelle ad assorbire una serie infinita di sostanze, tra le quali molte sono decisamente inutili o addirittura dannose.
Il deodorante va a contatto con una delle parti più delicate del nostro corpo, dove normalmente proliferano batteri e cattivi odori e noi, giustamente, cerchiamo di eliminarli.
Beh… purtroppo non tutti lo fanno!
L’acquisto di un buon deodorante prevede una spesa di almeno 3 Euro, ma il costo può alzarsi di molto se andiamo su marche importanti.
In realtà bastano 10 centesimi per prendersi cura

Torta di pane raffermo senza uova, lievito e burro…

Il pane è un prodotto che ci sta molto a cuore, produrlo in casa, magari utilizzando anche il nostro lievito madre, sostituirlo in varie ricette a tutti quei prodotti pieni di conservanti e zucchero, fa bene al corpo ed alle tasche!

Oggi vedremo cosa fare con del pane vecchio, di quello che resta lì nella credenza per troppi giorni, indurito e, apparentemente, inutilizzabile. Se avete un pollaio, è sicuramente ottimo come pasto per le nostre gallinelle… ma se siete golosi e volete realizzare un dolce senza lieviti, uova e burro, provate la nostra torta di pane con mele ed ananas! Una calda, dolce e irresistibile scoperta… 

Ingredienti per 4 persone
150 gr di pane raffermo
1 mela
400 ml di latte o latte di soia
70 gr di zucchero (meglio se integrale)
Mezzo limone grattugiato
1 cucchiaio di pinoli
4 fette di ananas
Preparazione
Tagliare a dadolini il pane e metterlo in ammollo nel latte caldo per almeno 10 minuti.

Quando il

Come fare il lievito madre in modo semplice!

Un po’ è moda, un po’ è anche consapevolezza. Oggi basta girare tra pizzerie, forni e locali dedicati allo slow food per rendersi conto di quanto stia cambiando il trend degli italiani. Se prima ci si accontentava di un pezzo di focaccia presa al volo, adesso si tende di più a controllare la qualità delle farine, degli impasti e anche dei lieviti utilizzati.

Tra chi è allergico, intollerante, eticamente responsabile o semplicemente un buongustaio, oramai tutti sappiamo che un prodotto da forno creato con lievito madre (anche chiamato pasta madre) al posto del lievito di birra è decisamente un alimento migliore, sia per il palato che per la salute.
Il lievito madre è qualcosa di meraviglioso, un prodotto da sempre creato dalle antiche massaie, semplicissimo e allo stesso tempo estremamente delicato e proprio per la sua delicatezza ha bisogno di molte attenzioni e cure per durare negli anni e per essere efficace.

Dopo tanto tempo ho

Dentifricio e collutorio fai da te… che è meglio!

Ho sempre pensato che fosse esagerato andare a guardare ogni singolo ingrediente dei tanti (troppi) prodotti che utilizziamo quotidianamente per l’igiene personale o per le pulizie di casa. Per non parlare delle cose confezionate a cui spesso (troppo spesso) ci affidiamo per merende, snack, colazioni, pranzi e cene… porre un po’ di attenzione in più, vedrete, vi farà risparmiare in denaro e soprattutto in salute!

Oggi ho analizzato un prodotto molto semplice e che fa parte della nostra quotidianità: il dentifricio.
Quale cosa più facile? Compro, lavo, risciacquo, ho l’alito fresco e via…
In realtà studiando con un po’ di attenzione gli ingredienti di cui si compone, nel comune dentifricio convivono una serie di sostanze assolutamente inutili per la funzione principale che dovrebbe avere, ovvero pulire i denti! Inoltre molte di esse sono purtroppo dannose se consideriamo che nell’arco della nostra vita le accumuliamo nell’organismo attraverso prodotti quotidiani e apparentemente innocui, come appunto un